Nella sezione “Gusto” del Corriere del Ticino online (o dell’app CDT Online per Android e iOS) trovate il mio ultimo articolo, nel quale ho cercato di spiegare in termini semplici e comprensibili cos’è la “CBT”, ovvero la Cottura a Bassa Temperatura (sottovuoto).

L’articolo da qualche cenno storico, parla della sua evoluzione e spiega i vantaggi principali che si possono riscontrare applicandola alla ristorazione e alla cucina casalinga.

Chi frequenta ristoranti, segue programmi di cucina o semplicemente ama cercare ricette online, si sarà senz’altro imbattuto almeno una volta nel termine “cotto a bassa temperatura”. CBT è l’acronimo codificato da Marco Pirotta nel 2009 e sta per “Cottura sottovuoto a Bassa Temperatura”. La CBT non è altro che la formalizzazione di un insieme di regole chiare e semplici per descrivere processi di una cottura molto particolare, che si effettua mettendo gli alimenti in buste, condizionandoli sottovuoto e cuocendoli in un bagno termostatico. […]

Trovate l’articolo completo nella sezione “Gusto” del Corriere del Ticino Online

Dai un’occhiata a qualche ricetta selezionata

La CBT si può praticare su carni, pesci, frutta, verdura, uova.. quasi tutto! Nel mio corso online sulla CBT do tutte le nozioni che servono per imparare la tecnica e i parametri di cottura per molti alimenti.

Dai un’occhiata alle ricette disponibili su CucinaLi dove cuocio gli alimenti usando la CBT.

Vuoi imparare a praticare la CBT o approfondire il tuo sapere?

Dai un’occhiata all’offerta di corsi online sulla cottura a bassa temperatura, la cucina creativa stagionale o i pacchetti selezionati per iscriverti a più corsi e risparmiare 😉

Andrea
Seguimi